Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

PNEI sono tanti anni che soffro, e non so ancora di cosa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia

                                 Gentile Dottor Moschini,  sono tanti anni che soffro, e non so ancora di cosa.  Oggi ho 32 anni anni e mi pare di ricordare che il problema si manifestò per lo più in età adolescenziale (verso i 15/16 anni); sottolineo “per lo più” perchè son cresciuta in una famiglia in cui, manifestazioni come rabbia urla e pianti, erano all’ordine del giorno da parte dei miei genitori e dunque non sono mai vissuta in un’oasi di benessere mentale sin dalla mia nascita. I sintomi intorno ai 15/16 anni come Le dicevo, erano in genere: SCONFORTO, TRISTEZZA,
GRANDE INSICUREZZA, RIGIDITA’ MENTALE, APATIA e altro
. Arrivando ai giorni odierni, da qualche anno in qua (non so quantificarli però) ho mantenuto gli stessi sintomi oltre che ad essere particolarmente ANSIOSA ed IRRITABILE (ma forse lo ero anche prima solo in forme più lieve), vivo sbalzi d’umore molto
repentini, arrivando talvolta a passare da “momenti” di ansia/irritabilità ad una sensazione di benessere che mi fa sentire tranquilla e in pace con tutti e, di conseguenza, nei pochi momenti in cui sono rilassata riesco in TUTTO: sul lavoro, nelle amicizie, nelle mie passioni…. Io sono tanto stanca però di andare avanti in questo modo, vivo continuamente in balìa del mio umore e così anche le poche persone che mi stanno accanto, perché è logico che in questo stato non possa attrarre positivamente il prossimo. Nel corso degli anni ho
frequentato molti psicologi (sin dall’età di 8-9 anni) e fatto percorsi di vario genere: rilassamento con training autogeno, psicoterapia cognitivo comportamentale, psicoterapia breve strategica ed ora sto frequentando una psicologa con cui mi trovo a mio agio e con la quale mi confronto semplicemente discutendo con lei di varie tematiche riguardanti la mia vita, per il momento. In passato mi sono stati prescritti farmaci come: Elopram (che per un breve periodo, con aiuto anche di persone fu positivamente efficace), Entact, Xeristar, Efexor/En, sotto stretta osservazione medica e senza risultato alcuno. Chiedo scusa per la lunghezza del testo di questa mia e-mail, naturalmente sono disposta a fissare un appuntamento presso il suo studio
nonostante io sia residente a Rimini. Mi rivolgo a Lei avendo sentito commenti molto positivi riguardo al suo lavoro da persone che si sono rivolte a Lei. Ultimamente mi sono avvicinata ed informata sulla medicina alternativa, ho letto alcuni libri interessanti di Claudia Rainville (“Metamedicina - Ogni sintomo è un messaggio” ed altri) che mi hanno incoraggiata a vedere da diversi punti di vista i “problemi” ma, pur avendo compreso cose davvero utili ed interessanti conoscendomi di più, ancora oggi ho questo grosso problema che non riesco a motivare dato che in apparenza non è legato ad alcun cambiamento nella mia vita. Mi
sveglio già con sensazioni di: irritabilità, stanchezza fisica e psicologica, tristezza, disistimia, ansia, vertigini e ultimamente ho anche il sonno disturbato. Non ho mai fatto test relativi ad allergie o intolleranze, so
di essere leggermente anemica per carenza di ferro e null’altro, forse la Sua esperienza mi potrebbe essere d'aiuto qualora mi indicasse una strada che Lei conosce, da me non ancora intrapresa.

Sperando in una Sua pur breve risposta
La saluto cordialmente.
PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia

          Egregia Antonella, importante è  vivo continuamente in balìa del mio umore dimostra una alterazione dell’asse Psiconeuroendocrinoimmunologico, pertanto una lieve modificazione di una ghiandola, soprattutto della tiroide, potrebbe produrre tutti quei sintomi; lo scompenso è minimo, spesso non rilevabile con gli esami di laboratorio, comunemente utilizzati, ma più specifici, lievi spostamenti sono importanti da analizzare e conducono alla spiegazione di tutti i suoi sintomi. Di solito effettivamente l’inizio è nella adolescenza, viene imputato alla psiche, ma se la persona fisicamente si sente in piena forma, sicuramente, anche la psiche non produce tutti quei sintomi come SCONFORTO, TRISTEZZA, GRANDE INSICUREZZA, RIGIDITA’ MENTALE, APATIA e altro. sveglio già con sensazioni di: irritabilità, stanchezza fisica e psicologica, tristezza, disistimia, ansia, vertigini e ultimamente ho anche il sonno disturbato.Un riequilibrio dell’asse PNEI, conduce anche al riequilibrio psichico. Io devo indagare su questo scompenso. Proprio per poter arrivare ad una spiegazione in maniera precisa e rapida,  vivo continuamente in balìa del mio umore  in studio effettuo esami strumentali, non invasivi, che mi permettono, in tempo reale, di seguire il ragionamento clinico diagnostico, accertare le effettive cause della sintomatologia espressa, chi la sta provocando o innescando come agente patogeno, verificare quali alterazioni sono state provocate sul sistema immunitario, approntare la terapia adeguata, poter seguire, nelle visite successive, la evoluzione della patologia. Successivamente, gli esami consigliati, saranno rivolti effettivamente alle problematiche della persona esaminata, per affinare la ricerca della problematica. Prima la diagnosi, la terapia, poi gli esami; questi non conducono alla diagnosi se non la hai nel tuo ragionamento.Come vede, scelgo la via più difficile e lunga, ma è quella che porta alla soluzione definitiva, perché parte dalla reale diagnosi, con la possibilità di seguire la evoluzione della progressione del raggiungimento del regolare funzionamento dell’organismo. Come vede, è importante stabilire l’iter terapeutico per giungere alla determinazione dello stato dell’organismo e il suo ritorno allo stato regolare e fisiologico, con la eliminazione degli agenti patogeni responsabili.  Tutto questo lo accerto durante la visita, in cui analizzo l’organismo nel suo complesso, andando a ricercare le effettive cause che hanno determinato i suoi sintomi, per poterle rimuovere, questa è la strada che conduce alla soluzione definitiva, perché parte dalla reale diagnosi, con la possibilità di seguire la evoluzione della progressione del raggiungimento del regolare funzionamento dell’organismo. Un esame clinico è estremamente importante, poiché mette la persona nella condizione di comprendere e capire le cause che stanno determinando i suoi sintomi, oppure prevenirli, per risolverli, per non farli accadere, senza soppressioni, ma condotti gradatamente alla loro lenta soluzione. Può telefonare alla segretaria, signora Aurelia, 3485160925, per avere le informazioni necessarie,  

Saluti  Dottor Med. Alberto Moschini       PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansiaPNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia PNEI tiroidite tiroide ansia