Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

cistiti anche emorragiche recidivanti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Buon giorno, Vorrei un consulto omeopatico su come poter tenere a bada delle cistiti anche emmorragiche che mi stanno colpendo in quest'ultimo periodo.
  nonostante cure a base di antibiotici specifici,ho avuto episodi di cistite prima delle mestruazioni e subito dopo.
  tutt'ora ho un senso di pesantezza e un piccolo bruciore durante la minzione.
  sto seguendo un piano alimentare da un nutrizionista ,m nonostante le fibre non riesco ad andare di corpo regolarmente. può influire sulla cistite?
  grazie

 

Egregia, occorre sempre stabilire le cause della patologia che la persona manifesta; somministrare una terapia senza conoscere chi è il responsabile, chiaramente accade quello che lei sta provando. Non è detto che gli antibiotici funzionino, anzi, ormai hanno poco effetto, inoltre non  hanno risultato sui virus, poiché la sua cistite, anche emorragica, potrebbe dipendere da questi. Gli antibiotici sono psecifici quando viene riconosciuto chi provoca la sintomatologia, inoltre possono essere responsabili batteri extracellulari, che vivono al di fuori delle cellule, quindi facilmente rintracciabili, crescono sui comuni terreni di cultura, quando viene fatta l’urino cultura; ma anche batteri intracellulari, che vivono dentro le cellule, quindi non crescono nei comuni terreni, non risentono delle sostanze chimiche, antibiotici, poiché la cellula è selettiva, fa passare quello che è utile alla cellula, non quello che vorrebbe il medico, potrebbero risentire degli antibiotici solo quando escono dalle cellule; ma anche virus, che anche loro vivono dentro le cellule, non risentono assolutamente degli antibiotici, solo della attività del sistema immunitario, ma in questo caso devo aiutarlo con farmaci omeopatici, omotossicologici. Fondamentale, come può comprendere, conoscere chi è presente nelle cellule dell’apparato urogenitale, risentendo anche del ciclo mestruale. Questo è compito del medico, di medicina integrata, che usufruendo di esami strumentali, non invasivi, di medicina omeopatica, ha la possibilità di seguire il ragionamento clinico diagnostico, verificare quali organi sono interessati, oltre alla vescica, più interni che contribuiscono a mantenere l’agente patogeno responsabile, individuarlo e stabilire effettivamente la terapia mirata per eliminare la sua azione e aiutare il sistema immunitario ad individuarlo e procedere alla sua rimozione.

La dieta, ovvero la terapia che può essere effettuata con la alimentazione devo esattamente stabilirla in base allo stato della sua infiammazione\infezione, gli organi interessati, lo stato del suo organismo, effettuato con gli esami che effettuo in studio. Da questo deriva la Elaborazione Diagnostica Nutrizionale, che rappresenta la distribuzione dei cibi, effettivamente necessari al suo organismo, per condurlo, insieme ai farmaci omeopatici ed omotossicologici, al suo regolare e fisiologico funzionamento.

 Un esame clinico è estremamente importante, poiché mette la persona nella condizione di comprendere e capire le cause che stanno determinando i suoi sintomi, per risolverli, senza soppressioni, ma condotti gradatamente alla loro lenta soluzione.