Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

Reflusso gastro-esofageo laringite

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Buongiorno Dottor Moschini,

mi è stato diagnosticata una ciste nel dotto del tiroglosseo  dallo specialistica OTL, nella stessa visita è emerso che ho la laringe infiammata a causa del reflusso esofageo. Premetto che non ho mai riscontrato evidenti disturbi di origine gastrica, che solo ogni tanto avverto gonfiore allo stomaco e che spesso ho una forma di tosse nervosa,come se avessi una leggera ostruzione nella gola.

Mi è stato consigliato di evitare: caffè, bevande in genere,alcool,cioccolato,divieto di frutta dopo i pasti,ridurre le verdure e prescritto di assumere per 40 giorni il Pantorc 40.

Ma leggendo il foglio interno c'è seriamente da  preoccuparsi per i danni che può causare all'organismo.

Vorrei sapere:

1- le indicazioni sono effettivamente realistiche e in che misura?

2- quali pericoli per il sangue?

3- è possibile una efficace terapia alternativa?

4- il farmaco in questione è compatibile durante la terapia con eventuale uso del Levitra 10mg ?

Grazie.

Cordiali saluti

 

 

Egregio, il reflusso purtroppo viene chiamato in causa troppo spesso, quando non viene trovata una spiegazione, spunta il reflusso. La laringe si può infiammare anche per la presenza di un agente patogeno, sia virus, batterio, che fungo, questi devono essere cercati, poiché proprio loro sono in grado di procurare quella infiammazione, ma non risulta facile evidenziarli, mentre in medicina omeopatica è possibile, con esami strumentali specifici, che vanno ad analizzare l’organismo nel suo complesso, con possibilità di accertare in maniera specifica ogni organo o parte si questo, per verificare lo stato di infiammazione e chi lo provoca. Così in tempo reale è possibile verificare la presenza di agenti patogeni, seguire il ragionamento clinico, approntare la terapia appropriata per la patologia presentata. Pertanto, è sempre opportuno stabilire esattamente le cause, per effettuare una terapia; se non è presente il reflusso, farmaci che intervengono  sulla pompa protonica, potrebbe avere un effetto antifisiologico, non risolvendo il problema.

Lei utilizza anche levitra, ma perché ha una insufficienza erettile? Ogni sintomo è collegato quindi la laringite potrebbe essere collegata a questo,  perché presente lo stesso agente patogeno.

 La terapia alternativa è possibile, sempre accertando le cause che hanno determinato tutti i suoi sintomi.