Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

Carcinoma del Polmone in una persona non Fumatore, Metastatizzato Fegato, Osso, Cervello, Terapia di Accompagnamento

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 Carcinoma del Polmone in una persona non fumatore, metastatizzato Fegato,

Osso, Cervello, Terapia di accompagnamento:

 

 

TAC del 23 09 2011 quando viene diagnosticato il CARCINOMA

                                                                                                                                        TAC del 02 11 2012 con evidenti miglioramenti del CARCINOMA 

 

 

 

 

 

 

 

 

TAC del 21 01 2013 continuano i miglioramenti e la "fermata" del CARCINOMA

 

 

Roberto Dulbecco, premio Nobel nel 1975, dal 1960 al 1973 ha studiato i virus oncogeni, dimostrando il loro ruolo nel determinare il Cancro.

La precisazione e la evidenza dei virus oncogeni è determinante nella prevenzione del Cancro e nella terapia di accompagnamento quando ormai la degenerazione delle cellule è stata condotta fino al Carcinoma.

 

 

 

Finalmente nel 1968 sopraggiunsero i risultati tanto attesi: "Per indagare l'azione dei geni di questi virus pensai che bisognava prima di tutto capire che cosa ne accadesse all'interno delle cellule rese tumorali. Si supponeva che il virus entrasse nelle cellule, ne alterasse i geni e poi scomparisse, comportandosi come un pirata della strada che investe un pedone ferendolo e poi scappa abbandonando il luogo dell'incidente".

L'elemento inedito fu l'individuazione di una sostanza, chiamata antigene T (tumorale), assente nelle cellule "sane" dell'organismo, ma presente sia in quelle infettate che in quelle uccise dal virus. Non se ne conosceva la natura ma era sufficiente per indurre a pensare che qualcosa del virus restasse nella cellula bersaglio; ciò a cui si mirò allora fu l'identificazione di tale sostanza. L'esito fu chiaro, si trattava di DNA virale che si unisce chimicamente a quello della cellula, diventando parte integrante del suo materiale genetico.

La scoperta fu clamorosa perché a questo punto fu semplice dedurre che i geni virali definiti "oncogeni" attivassero quelli cellulari necessari alla moltiplicazione cellulare facendola proseguire incessantemente. La scoperta gli fruttò il premio più ambito, il Nobel. Gli ultimi decenni sono dedicati al Progetto Genoma: l'obiettivo di identificare tutti i geni delle cellule umane e il loro ruolo, in modo da comprendere e combattere concretamente lo sviluppo del cancro.

Conoscere i virus oncogeni è fondamentale per prevenire, non far accadere il carcinoma ed approntare la strategia terapeutica che agisce sull'organo e la cellula sana. Nell'organismo nel suo complesso e sul sistema immunitario.

 

Roberto Dulbecco, ha individuato, fra i virus oncogeni, Epstein Barr

Uno dei più pericolosi agenti patogeni insieme al Papilloma virus.

Alla origine di molti Carcinomi

 

 

I farmaci Omotossicologici intervengono nella strategia terapeutica di accompagnamento dei Carcinomi, seguono il ragionamento clinico omotossicologico che i medici di Medicina Biologica hanno sempre applicato, questa pubblicazione della rivista Cell Biochemistry & Function lo conferma

 

 

Le pubblicazioni successive intervengono sulla presenza del Papilloma virus, nei Carcinomi a cellule squamose e nel carcinoma a cellule squamose del Polmone in persone che non hanno mai fumato, hanno riscontrato la presenza nelle Metastasi del Carcinoma.

Dal 1979 viene dimostrato il coinvolgimento del Papilloma virus nei Carcinomi a Cellule Squamose del Polmone in persone che non hanno mai fumato. 

 Human Papilloma virus genome is rare in North American non-small cell lung carcinoma patients.

Yanagawa N, Wang A, Kohler D, Santos Gda C, Sykes J, Xu J, Pintilie M, TsaoMS.

Source

Department of Pathology, University Health Network, Princess Margaret Hospital site and Ontario Cancer Institute, Toronto, Ontario, Canada.

Abstract

The reported prevalence for presence of human Papillomavirus (HPV) genome in Lung Cancer varies across the world, and limited data are available for North America. P16 immunostaining is used as a surrogate marker for the presence of HPV in cervical and head and neck cancers. In non-small cell lung carcinoma (NSCLC), the association between P16 protein overexpression and HPV remains unclear. We investigated the presence of HPV genome by in situ hybridization (ISH) and Polymerase Chain Reaction (PCR) and P16 or Rb protein expression by immunohistochemistry (IHC) in 336 surgically resected primary NSCLC: 204

HPV positive squamous cell carcinoma of the oropharynx. Are we observing an unusual pattern of metastases?

Müller S, Khuri FR, Kono SA, Beitler JJ, Shin DM, Saba NF.

Source

Department of Pathology and Laboratory Medicine, Emory University, Atlanta, GA 30322, USA. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abstract

To describe the clinical, histopathologic, immunohistochemical and molecular features of Human Papilloma Virus (HPV)+ squamous cell carcinomas of the oropharynx that had an atypical clinical course. Methods and Results: Four patients with HPV+ oropharyngeal squamous cell carcinoma (OPSCC) were identified

Three of the Primary Tumors were nonkeratinizing squamous cell carcinoma and one case was a hybrid tumor of both high-grade Squamous Cell Carcinoma and nonkeratinizing type, and all were p16 and HPV 16/18 positive.

All metastatic lesions were nonkeratinizing morphology and were p16 and/or HPV positive

The tumor morphology of the metastases was comparable to the primary and retained p16 and HPV expression.

 

Lung Cancer and Human Papilloma Viruses (HPVs): Examining the Molecular Evidence.

Prabhu PR, Jayalekshmi D, Pillai MR.

Source

Cancer Research Program, Rajiv Gandhi Centre for Biotechnology, Thiruvananthapuram 695014, Kerala, India.

Abstract

Human Papilloma Virus (HPV), known to be an etiological Agent for Genital Cancers, has been suggested also to be a possible contributory agent for Lung Cancer.

Suggested risk factors for the disease in never smokers include environmental tobacco smoke, radon gas, cooking oil vapours, indoor coal and wood burning, asbestos, genetic factors, and viral agents.

Syrjänen in 1979 first suggested the possibility of Human Papilloma Virus (HPV) involvement in bronchial squamous cell carcinoma

Several studies after that, put together, further suggest strongly a role for HPV as an aetiological agent of Lung Cancer. possible mechanisms of molecular pathogenesis of HPV-induced Lung Cancer. having a preference to infect cutaneous or internal mucosal surfaces.

HPV infects the keratinocytes found in the basal layer of the skin (stratum germinativum)

As ubiquitous members of extracellular membrane (ECM) microenvironment and hence the cancer stem cell niche, HSPGs are major factors responsible for the microenvironment changes, involved in the Tumor Initiation, progression, and malignant conversion

Lung Cancer in nonsmokers is molecularly different disease from that seen in the smoker population.

Also, the HPV infection paves way to altering the signalling pathways leading to cancer.

 

HPV persistence and its oncogenic role in prostate tumors.

Tachezy R, Hrbacek J, Heracek J, Salakova M, Smahelova J, Ludvikova V, Svec A, Urban M, Hamsikova E.

Source

Department of Experimental Virology, Institute of Hematology and Blood Transfusion, Prague, Czech Republic. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Abstract

HPV has carcinogenic effects at several anatomical sites in women and men. Whether the presence of HPV in the genitourinary tract of men is associated with a higher Prostate Cancer risk has been a matter of research for a long-time and the results are still not fully conclusive. Similarly, the question of the reservoir of HPV infection in men is not clearly resolved. HPV DNA presence and types were evaluated by means of Polymerase Chain Reaction in the tissue of 146 patients with Benign Prostate Hyperplasia and Prostate Cancer. HPV-specific antibodies were analyzed by enzyme-linked immunosorbent assay in the sera of all patients and 172 controls.

Human Papillomavirus and Epstein Barr virus in Prostate Cancer: Koilocytes indicate potential oncogenic influences of Human Papillomavirus in Prostate Cancer.

Whitaker NJ, Glenn WK, Sahrudin A, Orde MM, Delprado W, Lawson JS.

Source

School of Biotechnology and Biomolecular Sciences, University of New South Wales, Sydney, Australia.

Abstract

INTRODUCTION:

The purpose of this study is to determine if high risk Human Papillomaviruses (HPV) and Epstein Barr virus (EBV) are both present in the same prostate Cancer Specimens.

METHODS:

We used a range of analytical techniques including in situ polymerase chain reaction (IS-PCR) and standard liquid PCR followed by sequencing of the product to seek to identify HPV and EBV in Normal, Benign, and Malignant Prostate Tissues.

RESULTS:

Both HPV type 18 and EBV gene sequences were identified in a high and approximately equal proportion of Normal, Benign, and Prostate Cancer Specimens. These sequences were located in the nuclei of Prostate Epithelial Cells. HPV associated koilocytes were identified in 24% of Prostate Cancer specimens.

CONCLUSIONS:

The presence of both HPV and EBV gene sequences in most of the same Normal, Benign, and Malignant Prostate specimens is particularly noteworthy because of recent experimental evidence demonstrating that EBV and HPV can collaborate to increase proliferation of cultured cervical cells. Because the presence of EBV and HPV in Normal, Benign, and Malignant Prostate tissues appears to be ubiquitous, it is possible that they are harmless. On the other hand HPV type 18 in particular, has high oncogenic potential and may be associated with some Prostate Cancers. The identification of HPV associated koilocytes in Prostate Cancer specimens is an indication of HPV infection and potential oncogenic influences of human papillomavirus in prostate cancer.

 

 

Viral entry and integration. The diagram shows the entry of viral Papilloma DNA into the lung tissue either through the microabrasions in the membrane or through the haematogenous route from a different entry point as cervix or anus. Molecules such as HSPGs and α-integrins serve as surface receptors for the viral attachment and entry. Viral Papilloma  DNA exists and episome and later on integrates into the host genome losing an FHIT gene allele resulting in heterozygosity and subsequently upregulates the expression of proapoptotic protein Bcl-2. 

 

 

 

 

L’EAV, diagnosi medica di sistema, è un metodo della Medicina Integrata Omeopatica nell’ambito di particolari indirizzi terapeutici a disposizione di medici e odontoiatri. Mediante misurazioni elettrofisiche, effettuate su aree cutanee localizzate anatomicamente in modo esatto, viene valutato sia lo stato attuale, sia la dinamica di regolazione di sistemi e subsistemi dell’organismo umano, e viene determinata la presenza di disturbi e blocchi dei meccanismi della regolazione autonoma. Mediante fenomeni di risonanza vengono individuati i fattori che disturbano il trasferimento di informazioni relativamente ai sistemi di regolazione, e con ciò vengono stabilite in senso cibernetico le cause che contribuiscono al determinismo delle patologie.

Scopo dell’EAV è il ristabilimento della capacità di regolazione fisiologica dell’organismo. I farmaci richiesti per tale scopo, specifici per ogni individuo, vengono scelti in base a fenomeni di risonanza che si realizzano nel corso delle misurazioni.

La metodica ElettroAgopuntura di Voll fornisce indicazioni preziose dello stato degli organi, fisiologico, infiammato, infiammato e con degenerazione, degenerazione, il medico segue in tempo reale il ragionamento clinico convenzionale, confronta i sospetti diagnostici, giunge alla diagnosi e alla strategia terapeutica, comprende le cause, evidenzia gli agenti patogeni, stabilisce quelli esami che possono spiegare ed indirizzare la ricerca più approfondita. 

In tempo reale ha la possibilità di spiegare i sintomi che la persona descrive, anche quelli vaghi ed aspecifici, comprende le esigenze della persona, spiega i risultati e i processi fisiopatologici che hanno condotto la persona alla malattia.

 

 

La conduzione della metodica precisa ed accurata senza trascurare, tralasciare alcuna informazione,  ogni punto analizzato fornisce informazioni necessarie alla conduzione della diagnosi.

Il punto di agopuntura fornisce una misurazione significativa e ripetibile.

Il punto di agopuntura è in relazione all’organo o parte di questo, il confronto con frequenze conosciute, evidenzia le cause che hanno condotta la persona alla malattia, gli agenti patogeni presenti; il confronto successivo permette la certezza della soluzione delle cause e la radicazione effettiva degli agenti patogeni.

La guarigione viene ottenuta quando gli agenti patogeni sono stati eliminati con la sicurezza della loro effettiva radicazione e le cause risolte, non quando i sintomi non sono più presenti.  

I virus oncogeni hanno la possibilità di inserirsi nel genoma cellulare, condurre la cellula alla degenerazione cancerogena, come dimostra la ricerca di Renato Dulbecco, dal 1973.

Le cellule attraversano le fasi Umorali, se non viene interrotto il processo che le conduce alla degenerazione e alla fase neoplastica, cancro manifesto.

La individuazione dei virus oncogeni, la loro radicazione, interrompe il processo degenerativo, la replicazione del carcinoma.

Lo schema indica i farmaci da utilizare nelle varie fasi Umorali, gradatamente condurre l'organismo verso la funzionalità regolare e fisiologica.

Le specifiche caratteristiche dell’esame ElettroAgopuntura di Voll conducono il ragionamento clinico, la evidenza degli agenti patogeni, lo stato degli organi e parti di questi, delle cellule, del sistema immunitario,  la analisi condotta correttamente nei principali punti indicati da Voll, implica la correttezza della analisi di ogni punto di Agopuntura.

La terapia di accompagnamento di Medicina Integrata Omeopatica nelle patologie degenerative utilizzo il repertorio Radar Opus. Ho la possibilità di avere a disposizione il farmaco peculiare della persona, dei suoi organi, cellule, sistema immunitario

 

I vasi degenerativi correlati ai meridiani degli organi conducono il ragionamento clinico alla diagnosi.

L'importanza è fondamentale nella scelata degli esami da eseguire successivamente.

Mettono in ALLARME il medico della potenziale presenza della degenerazione cellulare che conduce al

CARCINOMA.

Un esame precoce, condotto secondo le regole fondamentali di VOLL, ha la possibilità di PREVENIRE, non condurre

alla

DEGENERAZIONE  ORGANICA, eseguire una diagnosi precoce

 

 

Nosodi, Organoterapici, Catalizzatori, Chinoni,

                                       Omeopatici,                               

 

 

 

 Terapia 

 

 

 Alla terapia farmacologica Nosodi, Organoterapici, Catalizzatori, Chinoni,

Omeopatici, ho aggiunto la terapia MORA, viene eseguita a domicilio.

Ho la possibilità di seguire l'andamento della terapia oncologica, della terapia

Integrata Omeopatica, ogni sette giorni a domicilio eseguo il controllo e

modifico il programma della terapia MORA.

Verifico la progressione nel bloccare la degenerazione, impedire la

neoformazione delle metastasi, bloccare il Carcinoma. 

Intervengo sugli effetti collaterali dei farmaci oncologici,