Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

Ipertrofia Prostatica Benigna

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

buon giorno, mi è stata diagnosticata una ipb,

e di conseguenza data una terapia con urorec e avodart,,,  ho appena iniziato urorec e già ho dei fastidi per quanto riguarda la pressione e una congestione al naso che mi chiude fastidiosamente quasi tutto il giorno,,,

la mia prostata è di 60 grammi circa e vorrei sapere con omeopatia come potrei comportarmi,,  grazie

 
 

Egregio Clemente, importante è sempre stabilire la diagnosi e le cause che la hanno condotta alla Ipertrofia Prostatica Benigna, conosciute da molto tempo, di cui l’infezione\infiammazione e la presenza di agenti patogeni, sono le principali.

Non solo i batteri extracellulari, che vivono al di fuori delle cellule, infettano la ghiandola prostatica, ma anche i batteri intracellulari, vivono dentro le cellule, i virus, anche loro vivono all’interno delle cellule; a questo si aggiunge il microambiente extracellulare che ha il compito di portare il nutrimento alle cellule e eliminare le scorie, dove anche gli agenti patogeni sono presenti, si diffondono lungo tutto l’organo, passano da cellula a cellula dopo la divisione e l’uccisione della cellula dove erano presenti, ma anche possono restare all’interno per diverso tempo insinuandosi nel genoma cellulare e condurlo alla degenerazione cellulare, passando da una fase benignainfiammazione ad una degenerativa, con aumenti della ipertrofia ma anche delle cellule “sospette” degenerative.

Tutto questo processo di aggravamento occorre fermarlo individuando esattamente le cause e gli agenti patogeni presenti che silenti conducono la ghiandola alla ipertrofia e alla degenerazione.

La diagnosi è essenziale per stabilire la strategia terapeutica adeguata a fermare tutto il processo della patologia ed impedire qualsiasi aggravamento.

Dentro la prostata scorrono i nervi della erezione, quindi possono avvenire impotenza funzionale del peneriduzione della libidoeiaculazione precoce, sintomi che incidono pesantemente sulla vita di relazione.

La analisi degli organi, delle cellule, del sistema immunitario mi mette nella condizione di comprendere ed evidenziare le cause, la presenza degli agenti patogeni, seguire il ragionamento clinico, giungere alla diagnosi, stabilire la strategia terapeutica, mettere le basi per le verifiche successive, seguire l’andamento della graduale soluzione delle cause ed eliminazione degli agenti patogeni responsabili fino alla loro completa eliminazione con la sicurezza della loro radicazione completa; fare in modo da far tornare il suo organismo al funzionamento regolare e fisiologico.