Utilizziamo i cookie per migliorare la vostra esperienza sul nostro sito. Navigando questo sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cosa sono i cookie?


I cookie sono informazioni immesse sul tuo browser quando visiti un sito web o utilizzi un social network con il tuo pc, smartphone o tablet.
Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, ecc..
I cookie possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi e possono contenere un codice identificativo unico.

 

A cosa servono i cookie?


Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web.
Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili, perché possono rendere più veloce e rapida la navigazione e fruizione del web, perché ad esempio intervengono a facilitare alcune procedure quando fai acquisti online, quando ti autentichi ad aree ad accesso riservato o quando un sito web riconosce in automatico la lingua che utilizzi di solito.
Una particolare tipologia di cookie, detti analytics, sono poi utilizzati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.
Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati (c.d. Behavioural Advertising). Parliamo in questo caso di cookie di profilazione.
Ciò accade perché quegli spazi web sono progettati per riconoscere il tuo pc o un altro terminale che usi per collegarti al web (smartphone, tablet), ed eventualmente indirizzarti messaggi promozionali "profilati" in base alle tue ricerche e al tuo utilizzo di Internet.
Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, ecc.. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione.
Così i cookie che scarichi su pc, smartphone e tablet possono essere letti anche da altri soggetti, diversi da quelli che gestiscono le pagine web che visiti.

 

I cookie e la privacy


Considerata la particolare invasività che i cookie di profilazione (soprattutto quelli terze parti) possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevedono che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere il proprio valido consenso all'inserimento dei cookie sul suo terminale.

In particolare, con il provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" dell'8 maggio 2014 [doc web n. 3118884] il Garante per la protezione dei dati personali ha stabilito che quando si accede alla home page o ad un'altra pagina di un sito web che usa cookie per finalità di profilazione e marketing deve immediatamente comparire un banner ben visibile, in cui sia indicato chiaramente:

1) che il sito utilizza cookie di profilazione per inviare messaggi pubblicitari mirati;

2) che il sito consente anche l'invio di cookie di "terze parti", in caso di utilizzo di questo tipo di cookie, ossia di cookie installati da un sito diverso tramite il sito che si sta visitando;

3) un link a una informativa più ampia, con le indicazioni sull'uso dei cookie inviati dal sito, dove è possibile negare il consenso alla loro installazione direttamente o collegandosi ai vari siti nel caso dei cookie di "terze parti";

4) l'indicazione che proseguendo nella navigazione (ad es., accedendo ad un'altra area del sito o selezionando un'immagine o un link) si presta il consenso all'uso dei cookie.


Blocca i cookie di terze parti


I cookie di terze parti non sono generalmente indispensabili per navigare, quindi puoi rifiutarli per default, attraverso apposite funzioni del tuo browser.

Attiva l'opzione Do Not Track
L'opzione Do Not Track è presente nella maggior parte dei browser di ultima generazione. I siti web progettati in modo da rispettare questa opzione, quando viene attivata, dovrebbero automaticamente smettere di raccogliere alcuni tuoi dati di navigazione. Come detto, tuttavia, non tutti i siti web sono impostati in modo da rispettare questa opzione (discrezionale).

 

Attiva la modalità di "navigazione anonima"


Mediante questa funzione puoi navigare senza lasciare traccia nel browser dei dati di navigazione. I siti non si ricorderanno di te, le pagine che visiti non saranno memorizzate nella cronologia e i nuovi cookie saranno cancellati.
La funzione navigazione anonima non garantisce comunque l'anonimato su Internet, perché serve solo a non mantenere i dati di navigazione nel browser, mentre invece i tuoi dati di navigazione continueranno a restare disponibili ai gestori dei siti web e ai provider di connettività.

 

Elimina direttamente i cookie


Ci sono apposite funzioni per farlo in tutti i browser. Ricorda però che ad ogni collegamento ad Internet vengono scaricati nuovi cookie, per cui l'operazione di cancellazione andrebbe eseguita periodicamente. Volendo, alcuni browser offrono dei sistemi automatizzati per la cancellazione periodica dei cookie.
In ogni caso, oltre alle tutele previste, hai anche altre opzioni per navigare senza cookie.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi .alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene

Bongiorno, Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene
la ringrazio infinitamente per la sua disponibilità, espongo:

Ho girato 4 urologi sia in Italia che all'estero dove mi trovo tutt'oggi, a causa di una non so se è quella "prostatite", ho 31 anni e 3 anni fa a causa di un fastidio al testicolo mi recai presso un urologo il quale mi fece subito un'eco trans rettale e diagnosticandomi infiammazione prostatica e cura con supposte di topster e levoxacin....

Non ho più accusato fastidi sino all'anno scorso, minzioni frequenti e fastidi alla punta del pene dopo aver urinato, visita all'estero dal primo urologo il quale mi ha fatto un tampone uretrale, analisi urine, sangue e palpazione della prostata ed eco vescicale, alla fine il tutto era normale e mi ha riferito di star più tranquillo, causa stress ed ansia...

Qualche mese fa idem stessi problemi rifaccio visita presso altro urologo il quale dopo stesse visite tranne palpazione prostata mi dice che è tutto in ordine, gli ho fatto vedere le eco transrettali fatte 3 anni fa, mi prescrive swa palmetto x6 mesi, magnesio x1mese, vitamina E x2mesi..... Dopo un mesetto tutto regolare e la cosa che ho notato che il getto dell'urina sembra essere piu' forte, non che prima non lo era ma ho avuto questa impressione, la settima scorsa mi son trovato il fine settimana con amici e ho bevuto qualcosa di alcolico, ed ogni volta che andavo ad urinare da sabato avevo il timore di avvertire dolore/fastidio alla punta del pene, tanto è vero che da 2 giorni avverto qualcosa, che non so se è vera o se sia la mia immaginazione....

A questo punto le vorrei chiedere come mi dovrei comportare? Posso bere alcolici? Premetto che il fastidio bruciore la prima volta persisteva anche con una dieta del tutta priva di alcool, spezie, piccanti e tutto cio' che viene sconsigliato a chi "soffre" di tale patologia

Grazie mille Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene

Importante è stabilire quale agente patogeno è responsabile della infiammazione prostatica, poiché la terapia deve essere esattamente mirata a quale microorganismo o microorganismi sono presenti nelle cellule prostatiche che determinano l’infezione\infiammazione, non solo conoscendo il o i responsabili, posso constatare la loro progressiva eliminazione, ma controllare che effettivamente sono stati eliminati completamente dalle cellule, per un ripristino delle condizioni regolari e fisiologiche dell’organo, degli organi vicini e quelli che sono correlati. L’utilizzo così “al buio”, di un anti-infiamatorio e di un anti-biotico, di cui non è possibili stabilire esattamente la loro effettiva funzione sul microorganismo o microorganismi, non può fornire certezza sulla effettiva eliminazione del responsabile e non solo, non è possibile confrontare se è presente in altri organi vicini. Infatti dopo un anno l’infezione\infiammazione si è ripresentato, poiché in quel periodo alcuno si è preoccupato di constatare se effettivamente gli agenti patogeni responsabili erano stati effettivamente eliminati, non conoscendo il loro nome cognome ed indirizzo, ma soprattutto si è mantenuta l’infiammazione cronica, attiva, persistente, subclinica, asintomatica, ma sempre presente, che chiaramente, si è ripresentata. Alcuni sintomi peculiari e caratteristici, minimi, non sono stati considerati, ma potevano indicare la presenza continua della l’infezione\infiammazione. Sarebbe stata sufficiente una lieve insonnia, ad una precisa ora della notte, un lieve dolore muscolare, articolare, della colonna, per indicare la presenza della l’infezione\infiammazione; così da poter verificare immediatamente la presenza di quelli agenti patogeni ed intervenire immediatamente, con la terapia mirata su questi. Per questo, apparentemente sembrerebbe tutto nella “norma”, assenza completa di cause, che chiaramente agendo “al buio”, non possono essere rintracciati e gli esami non vengono eseguiti esattamente per poter identificare quale agente patogeno è presente. Così lei ha i sintomi minzioni frequenti e fastidi alla punta del pene dopo aver urinato, ma  alla fine il tutto era normale   poiché non sono stati effettuati gli esami esatti, per poter evidenziare il motivo per cui lei aveva quei sintomi. Infatti gli agenti patogeni responsabili delle prostatiti e delle infezioni dell’apparato genito-urinario sono batteri intracellulari, vivono dentro le cellule; oppure virus ed anche loro sono intracellulari, per cui non  possono essere identificati con i tamponi, che raccolgono i liquidi extracellulari; con l’analisi culturale delle urine e dello sperma, che sono secreti e non contengono certamente le cellule. Inoltre la loro ricerca deve essere effettuata in maniera specifica, conoscendo già precocemente, inizialmente il loro nome, cognome, indirizzo, dove effettivamente sono presenti. Chiaramente in questi casi, non riuscendo ad individuare la causa, per un’azione errata diagnostica, un ragionamento clinico non corretto, un’azione di ricerca “al buio”, viene sempre invocata l’ansia, lo stress, per mascherare quella impossibilità di ragionamento clinico corretto.

Successivamente, tutte le prescrizioni sono indirizzate su problematiche non corrette, con farmaci che non incidono sulla causa, ma nemmeno sui sintomi, prodotti da quelli agenti patogeni, che non sono stati identificati.

Lei si preoccupa della dieta, senza tenere conto dei processi infetti e infiammatori che avvengono nelle cellule della sua prostata, che non sono  stati identificati.

Questa è la principale azione che devo effettuare, per giungere alla soluzione della sua infezione\infiammazione della prostata e degli altri organi vicini e correlati.

La medicina integrata omeopatica mi mette nella condizione di comprendere  queste cause che hanno condotto alla prostatite,  l’organismo nel suo complesso, quali agenti patogeni sono presenti, quale infezione\infiamamzione anche minima è presente, l’organismo nel suo complesso, poiché oltre al ragionamento clinico convenzionale, applico anche quello omeopatico ed omotossicologico, che sono importanti per comprendere l’organismo nel suo insieme, non solo questo, ma mi mette a disposizione esami strumentali non invasivi, che in tempo reale mi permettono di verificare i processi infiammatori minimi, asintomatici che si stanno verificando, oltre a quelli evidenti, quali alterazioni si stanno verificando sul sistema immunitario, quali organi sono compromessi, ma anche degli agenti patogeni,  intra- ed extra-cellulari che possono essere i corresponsabili della sua  prostatite , ma anche tutte le cause che la hanno condotta alla malattia principale. Importante è comprendere tutti gli avvenimenti fisiopatologici che la hanno condotta alla malattia, questa si prepara nel tempo non accade improvvisamente e scopo principale della medicina integrata è identificare ogni causa, per poterla condurre alla sua soluzione senza soppressioni. L’organismo deve rimanere sempre “pulito”, la cantina non deve contenere depositi, poiché potrebbero incrinare il palazzo. Soprattutto questi esami mi permettono di seguire l’evoluzione della malattia, la eliminazione degli agenti patogeni, comprendere in ogni momento tutte le reazioni che stanno avvenendo nel sistema immunitario.

Un esame clinico è estremamente importante, poiché la mette nella condizione di comprendere e capire le cause che stanno determinando i suoi sintomi, oppure prevenirli, per risolverli, per non farli accadere, senza soppressioni, ma condotti gradatamente alla loro lenta soluzione. Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene

 

 

Capisco....

Purtroppo lei si trova in Italia ed io all'estero quindi venire nell'immediato per un consulto in diretta mi sarebbe un po' difficile.

e a questo punto che esami dovrei ancora fare?
attualmente le minzioni sono più che regolari, l'unico "problema" che sussiste da una decina di giorni e che a volte solo dopo la minzione ho un fastidio, non so come spiegarlo dalla punta del pene sino a metà di esso, che sussiste a volte anche qualke ora per poi sparire, a questo si aggiunge, saltuariamente, mentre ho rapporti, una specie di flaccidità, è sempre eretto, ma meno del solito. Ho paura che intervenga una impotenza, non essere più capace di avere rapporti regolari. 

Grazie mille ancora 

Buona giornata

Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene

Questo è un sintomo importante che dimostra la prosecuzione della sua patologia prostatica, della sua infiammazione\infezione cronica attiva persistente, come le ho spiegato.

E’ molto importante intervenire immediatamente in queste fasi di apparente benessere, quando ancora i sintomi non sono stabili, soprattutto per la perdita di erezione, che non è completa, ma è sempre indice di una potenziale impotenza, di cui anche lei teme; per eliminare subito il o i responsabili ed evitare progressioni della infiammazione.

Sono proprio i sintomi vaghi ed aspecifici che indirizzano verso la diagnosi e la terapia.

Gli esami che effettuo necessitano della sua presenza. Come ha potuto constatare, alcuno ha provveduto ad individuare esattamente gli agenti patogeni responsabili su cui intervenire. Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del peneBongiorno,Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del peneBongiorno, Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del peneProstata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del peneBongiorno, Prostata uretra prostatite fastidio al testicolo infiammazione prostatica minzioni frequenti fastidi alla punta del pene 

Alberto Moschini

Durante la frequenza della Clinica Psichiatrica di Pisa, prima come studente, poi come assistente volontario, dal 1970, al 1973, ha pubblicato il lavoro:


J Nucl Biol Med. 1972 Jan-Mar;16(1):32-8. 
Autoradiographic distribution studies with 3 H-reserpine in mice.
Placidi GF, Ciccone G, Moschini A, Gliozzi E, Cassano GB.

Dal 1974, medico di base nel comune di Carrara, attività terminata nel 2005, per dedicarsi all’Omeopatia, Omotossicologia, Organometria funzionale EAV, Fitoterapia, in modo da avere maggiore tempo per l’accrescimento scientifico. 

Il Dr. Moschini si interessa di medicina non convenzionale dal 1988, dopo aver risolto gravi problemi di salute con l’omeopatia e l’omotossicologia; da qui cominciamo i suoi interessi in queste discipline mediche, con ripetuti viaggi in Germania, dove apprende la metodica dell’Elettroagopuntura secondo Voll, direttamente dai medici tedeschi, acquisisce ed assimila la metodica dell’utilizzo dell’apparecchio MORA, con le sue applicazioni non invasive sia in diagnosi che in terapia. 

Segue in Italia gli insegnamenti del Prof. Leonello Milani, Ivo Bianchi, Dottor Antonio Maria Pasciuto, Gian Francesco Hermann, Rabitti, Giuseppe Signorino, Angelo Micozzi. 

Nel 2001 Ha discusso la tesi per il perfezionamento in Fitoterapia con il Dottor Fabio Fiorenzuoli con il titolo “Uso degli Isoflavoni della Soia nella cura del sovrappeso in donne con disturbi ormonali”

Nel Giugno 2002 ha conseguito il perfezionamento in Organometria funzionale “EAV” 

Settembre 2002 ha conseguito un Master in E.A.V. patrocinato dall’A.M.I.D.E.A.V. con gli insegnanti Gian Francesco Hermann, G.Rabitti, Antonio Maria Pasciuto.

Nel Guigno 2003 ha discusso la tesi di perfezionamento in Omeopatia, Omotossicologia e discipline Integrate con il Prof. Leonello Milani con il titolo “Omeopatia iniettabile in omeosiniatria. Studio sulla osteocondrite del ginocchio secondo lo schema del Prof. Leonello Milani, con controllo delle citochine attraverso la organometria funzionale EAV.” Ottenendo Ottimo con lode. 

Novembre 2003 Internationale Gesellschaft für Homotoxicologie e.V. Deutschland. Associazione Italiana di Omotossicologia Milano Italia. “Ha completato a pieno merito il corso triennale della scuola di Omotossicologia e discipline integrate." 

Negli anni accademici 2002-2003-2004, ha frequentato la “scuola triennale di Omeopatia Classica” svoltasi a Firenze, docente e direttore della scuola il Dottor Angelo Micozzi. 

Anno 2005, dopo tre anni di studio e ricerca ha strutturato il farmaco omotossicologico “soluzione M” con la seguente composizione: “Resistina, Insulina, Hoodia Gardonii, ana 30DH, Malonyl CoA, Leptina, Adiponectina, ana 6DH, Insulina D30.” Per la regolazione della insulino-resistenza e iperinsulinemia, nella sindrome metabolica, che viene prodotto dalla ditta OTI, Omeo Tossicologici Italia. 

Maggio 2005 conseguimento del Master di perfezionamento clinico in Omeopatia, Omotossicologia e discipline integrate. 

Febbraio 2007 docente al seminario dal titolo “la sindrome Metabolica”

Gennaio 2009 frequenta il Master Universitario di II livello in Medicina Integrata dell’Università degli Studi di Siena

Esercita la Medicina Generale integrando le discipline di Medicina non Convenzionale con particolare riguardo a:

OMEOPATIA 
OMOTOSSICOLOGIA 
ORGANOMETRIA FUNZIONALE “EAV”
FITOTERAPIA
Esperto nell’utilizzo dell’apparecchio MORA soprattutto nelle sue applicazioni non invasive nella diagnosi e nella terapia

 

 

STUDI DI MEDICINA NATURALE (Studio Professionale - Privato)

Viale Stazione 181 - 54100 Massa - MS - Italia

 

Per contatti o appuntamento telefonare allo 348.8240402 0585.040149  FAX: 0585242087.

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.